Struttura delle directory web

Quando qualcuno crea un sito web, Plesk non solo aggiunge un nuovo host virtuale al server web ma crea anche la struttura della directory del sito e riempie le directory con un determinato contenuto iniziale. Queste directory si trovano nelle corrispondenti directory di host virtuale:

  • Su Linux:/var/www/vhosts/<domain_name>
  • In Windows:C:\inetpub\vhosts\<domain_name>

<domain_name> si tratta del nome del dominio del sito web. La struttura di directory è definita dal modello di host virtuale predefinito (vedi le sezioni Struttura dell'host virtuale (Linux) e Struttura dell'host virtuale (Windows) per maggiori informazioni).

Se desideri cambiare i file e le directory incluse nei nuovi siti, per esempio, se desideri aggiungere script o cambiare le pagine di errore, puoi definire un modello di host virtuale. I rivenditori possono anche personalizzare modelli di host virtuale per i loro clienti.

Nota: I sottodomini hanno lo stesso stato che i domini e utilizzano la stessa struttura di directory. Di conseguenza, presentano una directory separata in /var/www/vhosts e i propri file di configurazione, come php.ini o vhost.conf.

 

Definizione di una radice di documenti personalizzata

In Plesk, per impostazione predefinita, la radice dei documenti per tutti i domini ospitati è la directory httpdocs. Tuttavia, molti framework di sviluppo web avanzati presuppongono un'altra directory radice dei documenti, ad esempio <app_root>/public. L'amministratore Plesk può modificare la directory radice dei documenti predefinita modificando il file panel.ini secondo lo schema seguente:

[domainManagement]
docroot = "new_default_docroot"

dove <new_default_docroot> è il nome o il percorso di una directory (ad es. "new_docroot" o "<dominio>/public").

Nella radice del documento personalizzata puoi utilizzare solo i seguenti caratteri:

  • Barra (/)
  • Periodo (.)
  • Trattino (-)
  • Caratteri Word:
    • Lettere dell'alfabeto da A a Z (maiuscole o minuscole)
    • Cifre da 0 a 9
    • Trattino basso (_)

Le modifiche vengono applicate a tutti i domini di nuova creazione, ma non retroattivamente ai domini esistenti. Il percorso è correlato alla radice dello spazio web ed è possibile utilizzare la variabile di ambiente <dominio> che viene sostituita dal nome di dominio alla creazione dell'hosting.

Ad esempio, se imposti il valore di docroot su "<dominio>/public", quindi crei un nuovo dominio denominato esempio.com, il dominio presenterà la seguente directory radice dei documenti:

 

Definire un modello di host virtuale personalizzato

Per creare un modello di host virtuale personalizzato, crea un directory sul tuo file system locale e quindi crea una o più delle seguenti directory all'interno:

  • cgi-bin se desideri includere script personalizzati nel modello.
  • httpdocs se desideri includere documenti personalizzati come pagine web o immagini.
  • error_docs se desideri includere messaggi di errore personalizzati.
  • spazio web se desideri includere file personalizzati in modo che siano nella directory principale dell'abbonamento (ad esempio, .bashrc, .vimrc eccetera).

Una volta che le directory saranno create, situa i file che desideri che siano inclusi nella struttura dell'host virtuale dei domini creati nelle directory corrispondenti. Se lo desideri, puoi usare i file predefiniti archiviati in /var/www/vhosts/.skel/0 su Linux o C:\inetpub\vhosts\.skel\0 su Windows.

Inoltre puoi utilizzare variabili nel modello di host virtuale personalizzato. Le variabili verranno sostituite con i valori corrispondenti dopo la creazione del dominio:

  • @domain_name@ - Questa variabile viene sostituita dal nome del dominio. Utilizzata in Linux e Windows.
  • @client_email@ - Questa variabile viene sostituita dall'indirizzo e-mail del cliente. Utilizzata esclusivamente in Windows.

Una volta che avete aggiunto tutti i file desiderati, comprimi le directory in tgz, tar, tar.gz, o archivio zip. Accertati che le directory siano nella radice del file di archivio e non in una directory secondaria. Se includi altre directory o file nella root del file di archivio, Plesk non li aggiungerà al modello.

Per caricare il modello di host virtuale personalizzato, vai su Strumenti e Impostazioni > Modello di Host Virtuale (nel gruppo Strumenti e Risorse), fai clic su Sfoglia, trova il file di archivio pronto e poi fai clic su Invia file. Per tornare al modello di host virtuale predefinito, fai clic su Predefinito.