Panoramica

Plesk supporta l’integrazione con Git - il sistema di gestione del codice sorgente più popolare, utilizzato da numerosi sviluppatori web. È possibile gestire gli archivi Git e implementare automaticamente siti web da tali archivi a una directory pubblica di destinazione. In altri termini, si può utilizzare Git come strumento di trasporto per la pubblicazione iniziale e altri aggiornamenti.

Nota: questa caratteristica non è supportata nelle installazioni di Plesk in esecuzione su Windows Server 2008.

Per lavorare con Git, occorre quanto segue:

  1. L’estensione Git installata in Plesk.
  2. È necessario creare un dominio in Plesk, con un piano di servizio che conceda il permesso Gestione Git.

In Plesk si possono aggiungere archivi Git di due tipi, a seconda dello scenario di utilizzo:

  1. Uso di un archivio locale nella workstation. In questo caso, si inviano le modifiche dall’archivio locale a Plesk, quindi Plesk implementa le modifiche al sito web. Fare riferimento a Uso dell’archivio locale.
  2. Uso dell’hosting Git remoto. Questo scenario può essere utile se si lavora già con un archivio remoto in GitHub (github.com) o BitBucket (bitbucket.org). Le modifiche vengono inviate all’archivio remoto, quindi Plesk le estrae dall’archivio remoto e le implementa nel sito web. Fare riferimento a Uso dell’hosting Git remoto.

Quando nel dominio sono abilitati archivi Git, l’elenco degli archivi creati viene visualizzato nella pagina del dominio. Per ogni archivio compaiono il nome, la ramificazione corrente e il percorso di implementazione. Il pulsante Implementa accanto al nome dell’archivio consente di implementare i file da un archivio (se l’implementazione manuale è configurata) e il pulsante Estrai aggiornamenti permette di estrarre le modifiche dall’archivio remoto.

Nota: attualmente, gli archivi Git ospitati in Plesk vengono protetti tramite la password dell’utente FTP. L’accesso anonimo non è consentito.

Il link Git consente di gestire gli archivi Git del dominio.

image-76967.png