Implementazione di server Plesk tramite clonazione

Il metodo più efficiente per creare rapidamente, su richiesta, server virtuali con Plesk consiste nella clonazione di server virtuali con Plesk già installato e configurato in modo appropriato. Il flusso di lavoro di base è simile al seguente:

  1. Installazione di Plesk su un server virtuale
  2. Preparazione di Plesk alla clonazione: comporta la configurazione di vari parametri tramite l'interfaccia per riga di comando

    Per le istruzioni sulla preparazione di un'istanza di Plesk alla clonazione, vedere Preparazione di Plesk per Linux a scopo di clonazione oppure Preparazione di Plesk per Windows a scopo di clonazione.

  3. Arresto del server virtuale e creazione di un'istantanea
  4. Utilizzo dell'istantanea per creare nuovi server virtuali

Questa tecnica è adatta per qualsiasi moderna soluzione di virtualizzazione: Virtuozzo, Amazon Web Services, KVM, Xen, e così via.

Nota: la clonazione è utilizzabile anche per sottoporre a backup e ripristinare server Plesk e per testare in modo sicuro nuove funzionalità o configurazioni.

Reimpostazione dei dati durante la clonazione

Per assicurare che nessuna informazione sensibile venga copiata e diffusa quando si creano nuovi server Plesk da un'istantanea, tutti questi dati vengono reimpostati automaticamente durante la preparazione di Plesk alla clonazione.

Mentre si prepara un server Plesk alla clonazione, i seguenti elementi dati vengono reimpostati:

  • Indirizzi IP rimappati,
  • GUID per clienti, domini, piani di servizio, abbonamenti e altre entità database,
  • Informazioni sulla configurazione iniziale,
  • Certificato Plesk creato,
  • Certificati SSL eliminati (solo il certificato predefinito, la clonazione non modifica i certificati definiti dall'utente),
  • Firma di backup generata,
  • Sessioni,
  • Password dell'amministratore e altre password (tutte le password vengono decrittografate, la nuova chiave simmetrica viene generata, quindi le password vengono crittografate nuovamente con quest'ultima chiave),
  • Ultimo controllo della disponibilità di aggiornamenti,
  • (Facoltativamente) Chiave di licenza.

Il resto dei dati rimane intatto.

Clonazione e licenza di Plesk

Al momento di implementare nuove istanze di Plesk tramite clonazione, sono disponibili due opzioni:

  1. Implementazione delle nuove istanze di Plesk senza una chiave di licenza del prodotto: in questo caso, scegli di reimpostare la licenza durante la preparazione di Plesk alla clonazione.
  2. Generazione automatica delle chiavi di licenza del prodotto per le nuove istanze: in questo caso, non reimpostare la licenza. Quindi, prima di avviare la clonazione di Plesk, contatta il nostro rappresentante e fornisci la gamma di indirizzi IP entro la quale verranno installate le tue istanze di Plesk. Il nostro sistema di licenze attiverà i server Plesk solamente da questa gamma.

In questa sezione:

Preparazione di Plesk per Linux a scopo di clonazione

Preparazione di Plesk per Windows alla clonazione

 

Leave your feedback on this topic here

If you have questions or need support, please visit the Plesk forum or contact your hosting provider.
The comments below are for feedback on the documentation only. No timely answers or help will be provided.